Iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale

Iscrizione dei cittadini italiani al Servizio sanitario nazionale

L’iscrizione deve essere effettuata dall’interessato presso gli sportelli unici del proprio distretto sanitario di residenza. L'interessato deve essere munito di tesserino sanitario/codice fiscale.
Per i neonati: certificato dello stato di famiglia o autocertificazione da cui risulti già il nuovo nato e codice fiscale di quest’ultimo.

Iscrizione degli stranieri UE al Servizio sanitario nazionale

Ha diritto di iscrizione al Servizio sanitario nazionale il cittadino dell’Unione Europea che soggiorna in Italia per oltre tre mesi e che si trova nella condizione documentata di lavoratore o suo familiare, o familiare di un cittadino italiano, o in possesso di attestazione comunale di soggiorno in Italia da almeno 5 anni, o in stato di disoccupazione involontaria e registrato presso il Centro per l'impiego o iscritto ad un corso di formazione professionale, o titolare di modello comunitario E106, E109(o E37), E120, E121 (o E33).

Oltre i 5 anni di soggiorno, il cittadino dell’Unione Europea può fare richiesta della tessera sanitaria a tempo ineterminato.

 Rivolgersi agli Sportelli CUP del distretto di residenza, a cui va presentata la documentazione che attesta i requisiti posseduti.

Iscrizione temporanea al Servizio sanitario nazionale

I cittadini domiciliati in un Comune diverso da quello di residenza possono essere temporaneamente iscritti al Servizio sanitario presso l’Azienda Usl del proprio domicilio. La permanenza nel Comune di domicilio deve essere superiore ai tre mesi e può essere dovuta a motivi di lavoro, di studio, di salute, familiari, per disoccupazione, per soggiorno obbligato o libertà provvisoria.
Anche agli iscritti a tempo determinato al Servizio sanitario nella Regione Emilia-Romagna, l’Agenzia delle Entrate spedisce la tessera sanitaria all’indirizzo della loro effettiva residenza.

 

Iscrizione degli stranieri extra-UE al Servizio sanitario nazionale

Hanno diritto di essere iscritti al Servizio sanitario nazionale i cittadini extra UE con permesso di soggiorno per motivi specifici o in attesa del rilascio o del rinnovo del permesso di soggiorno.
La durata dell’iscrizione è la stessa del permesso di soggiorno ed è rinnovabile.
In caso di ricongiungimento familiare, il genitore straniero extra UE di oltre 65 anni, per ottenere l’iscrizione volontaria al SSN deve versare un contributo forfettario annuale.
Rivolgersi all’Ufficio amministrativo del Distretto dell’Azienda Usl.

Anche gli stranieri non in regola con il permesso di soggiorno presenti in emilia-romagna possono accedere con la consueta tranquillità e fiducia ai servizi e alle strutture del servizio sanitario regionale. La legislazione italiana vigente vieta infatti agli operatori sanitari la segnalazione all'Autorità giudiziaria di stranieri senza permesso di soggiorno.

Proprietà dell'articolo
modificato:lunedì 18 settembre 2017

In caricamento...