Influenza stagionale: pronti per partire con le vaccinazioni

Da lunedì 6 novembre, con oltre 60.000 dosi, negli ambulatori di medici e pediatri e nei servizi dell'Ausl. Ecco a chi è rivolta l'offerta gratuita e dove rivolgersi. Novità di quest'anno: il vaccino antipneumococcico gratuito ai 65enni

03/11/2017 - Il 6 novembre inizia in tutta la provincia la campagna di vaccinazione anti-influenzale attuata dall’Azienda USL di Parma con la collaborazione dei Medici di medicina generale e dei Pediatri di libera scelta. 

Da quest’anno, per i sessantacinquenni c’è una novità: per loro è offerta in modo gratuito anche la vaccinazione antipneumococcica, assicurata dai Medici di famiglia.

LA VACCINAZIONE CONTRO L’INFLUENZA

Perchè vaccinarsi? Perché, in particolare per le persone anziane e per quelle con malattie croniche, l’influenza può provocare complicazioni, anche gravi, che richiedono ospedalizzazione, ed in alcuni casi il decesso. 

"Le vaccinazioni sono un importante strumento collettivo di prevenzione sanitaria per la salute pubblica - conferma Ettore Brianti Direttore sanitario dell'Ausl - che coinvolge migliaia di persone ogni anno e si avvale della collaborazione indispensabile dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta. Contiamo di migliorare i risultati della campagna dell'anno scorso, in cui è stato registrato un aumento significativo di vaccinazioni tra gli operatori sanitari. Come ogni anno, dunque, non si deve abbassare la guardia perchè l'influenza può provocare serie complicanze soprattutto se a contrarla è un malato cronico". 

L’influenza non va sottovalutata:  è una "grave" malattia che nei paesi industrializzati rappresenta la terza causa di morte per malattie infettive. Inoltre, anche se per tanti la malattia si risolve in pochi giorni, vi sono comunque conseguenze sociali importanti, con rilevanti costi dovuti alla perdita di giorni di lavoro, che, nel caso di servizi pubblici di primario interesse collettivo assumono  particolare rilevanza.

Prevenire l'influenza e la sua diffusione si può: con la vaccinazione. 

La vaccinazione è il mezzo più efficace e sicuro per prevenire l’influenza. E’ un’opportunità per tutelare la propria salute e quella di chi ci sta accanto. Efficace, perché assicura una buona copertura contro il rischio di complicanze da influenza e di ricovero in ospedale e diminuisce la possibilità di contrarre la malattia. Sicuro, perché i rari effetti collaterali sono limitati, per la gran parte, all’arrossamento della zona in cui viene fatta l’iniezione e, in pochissimi casi, ad un senso di malessere generale, con possibile febbricola.

Ognuno di noi inoltre può limitare la diffusione del virus seguendo semplici misure di protezione personale: lavarsi spesso le mani; coprirsi naso e bocca ogni volta che si starnutisce o tossisce e poi lavarsi le mani; utilizzare fazzoletti di carta monouso e gettarli in pattumiere chiuse e poi lavarsi le mani.

Il vaccino - L'efficacia del vaccino dipende dalla correlazione tra i ceppi in esso contenuti e quelli circolanti: per questo motivo la composizione varia ogni anno. Quest’anno, il vaccino contiene tre ceppi differenti. All’Azienda USL di Parma sono state assegnate 62.300 dosi di vaccino, che potranno essere aumentate con successivi ordini nel corso della campagna vaccinale, in caso di necessità.

Vaccinazione antinfluenzale gratuita: a chi è rivolta e dove rivolgersi 

 

LA VACCINAZIONE ANTIPNEUMOCOCCICA

L'attuale Piano nazionale Prevenzione Vaccinale, introduce a partire da quest’anno l’offerta attiva e gratuita della vaccinazione antipneumococcica alle persone di 65 anni, in quanto le malattie gravi invasive da pneumococco sono più frequenti negli ultra 65enni. Ai nati nel 1952 non ancora vaccinati, il Servizio Igiene e Sanità Pubblica dell’AUSL di Parma ha inviato una lettera di invito a sottoporsi a questa vaccinazione, assicurata dai Medici di famiglia; in tutto, si tratta di circa 4.500 persone.

La vaccinazione antipneumococcica è somministrata in due dosi, con un intervallo di un anno. La somministrazione può avvenire simultaneamente alla vaccinazione antinfluenzale, in sedi separate, sempre nel deltoide (muscolo del braccio).

Per la vaccinazione antipneumococcica, i medici di famiglia sono a disposizione anche delle persone con malattie cardiache e respiratorie di qualsiasi età, sempre in forma gratuita

Per maggiori informazioni scarica l'opuscolo informativo. 

 

In "Allegati" cartella stampa e materiale della conferenza stampa e il materiale informativo regionale sulla campagna. 

Qualche dato

Nel corso della campagna antinfluenzale 2016-2017 sono state vaccinate, a Parma e provincia, 59.087 persone (contro le 55.982 vaccinate nell’autunno-inverno 2015-2016), il 6% in più rispetto alla campagna dell’anno scorso

In particolare, nelle varie categorie, si sono registrate le seguenti adesioni: +4% persone di età uguale o superiore ai 65 anni senza patologie; +9% persone di età uguale o superiore ai 65 anni con patologie; +13% persone impegnate in attività di primario interesse o pubblica utilità; +76% personale sanitario; +9% altre categorie. La stagione epidemica 2016-2017 è stata di intensità medio – alta, caratterizzata da un avvio anticipato e da un picco massimo registrato nell’ultima settimana di dicembre 2016. 

In Emilia-Romagna si sono ammalate circa 514.000 persone, pari al 12.5% della popolazione (l’11.5% lo scorso anno). Si sono registrati 68 casi gravi ( di cui 3 a Parma) e 32 decessi (nessuno a Parma). La maggior parte dei casi gravi è stata registrata negli ultra 65enni e con condizioni a rischio.

Alla conferenza stampa

Alla conferenza stampa, che si è tenuta venerdì 3 novembre 2017 alle 11 nella sala riunioni Direzione Generale – AUSL di Parma, sono intervenuti:  

Ettore Brianti, Direttore Sanitario AUSL di Parma

Maurizio Falzoi, Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Parma

Marella Zatelli, Direttore area disciplinare Profilassi e Malattie Infettive AUSL di Parma
Alessandro Romanelli, Medico competente AUSL di Parma
Elena Chiesa, Medico competente AUSL di ParmaPietro Vitali, Direttore UOC Igiene Ospedaliera, Medicina Preventiva e Sicurezza Igienico-Sanitaria Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma
Antonio Slawitz, Medico di Medicina Generale
Giuseppe Soncini, Medico di Medicina Generale


ed erano presenti:  

Professionisti dell’AUSL del Dipartimento di Sanità Pubblica, dei Dipartimenti Cure Primarie e in staff alla Direzione Generale; Rappresentanti dei Medici di famiglia e dei Pediatri di libera scelta; Rappresentanti dei Comitati Consultivi Misti

 

 

Proprietà dell'articolo
modificato:giovedì 23 novembre 2017

In caricamento...