La nuova Fattoria di Vigheffio: completata la riqualificazione

Inaugurato il Centro polivalente, la socialità come riabilitazione

Vigheffio, 16/07/2013 - Terminata l’ultima tranche di lavori, la Fattoria di Vigheffio è oggi completamente ristrutturata e pronta per riprendere a pieno ritmo tutte le sue numerose attività. Con la realizzazione di un Centro Polivalente si completa una più ampia riqualificazione della Fattoria, come previsto anche dal progetto “Itaca”, promosso da Mario Tommasini alla fine degli anni ’90.

Gli ultimi anni hanno visto la Fattoria sottoporsi ad un importante intervento di recupero e riqualificazione complessiva che ha richiesto un investimento, a partire dal 2007, di 2 milioni e 457 mila euro, così finanziati: 1 milione 915 mila euro dall’AUSL, circa 62 mila euro dal Comune di Collecchio, circa 305 mila euro dalla Comunità Europea e circa 175 mila euro dal Ministero per lo Sviluppo Economico.

Le prime due fasi dei lavori hanno riguardato: la ex barchessa, trasformata in tre appartamenti dove oggi vivono 6 persone e la ex casa colonica, diventata la nuova e moderna residenza psichiatrica con assistenza nelle 24 ore, dotata di camere a uno o due posti con servizi igienici, spazi atelier per attività aperte al piano terreno e altri locali di servizio in grado di soddisfare le esigenze riabilitative personalizzate di 11 ospiti.

Il Centro Polivalente

Oggi, si inaugura l’ultima parte rinnovata del complesso: il Centro polivalente, dove sono ubicate una Sala polivalente e un locale destinato al Dipartimento Assistenziale Integrato Salute Mentale-Dipendenze Patologiche (DAI SM-DP) dell’AUSL.

Un edificio posto su un unico piano di 275.5 metri quadrati, con annesso porticato di 122.5 metri quadrati.

La Sala polivalente è destinata ad ospitare attività ricreative a finalità riabilitative socializzanti, tra le quali un’attività di ristorazione – ad uso Circolo - che impiega utenti del DAI SM-DP, gestita dalla Cooperativa sociale Avalon.  Il locale del DAI SM-DP verrà utilizzato dagli operatori e dalle Associazioni dei familiari degli utenti.  

"Il progetto di rilancio della Fattoria - ha spiegato il sindaco del Comune di Collecchio e presidente Comitato Distretto Sud-Est Paolo Bianchi - ha visto negli ultimi anni una forte accelerazione: i notevoli risultati raggiunti sono davanti agli occhi di tutti con l'inaugurazione di oggi. L'Amministrazione ritiene che Vigheffio sia un luogo di aggregazione e di offerta ricreativa anche  per i collecchiesi, insieme ovviamente alla popolazione di Parma".

"Il progetto che si completa oggi parte da lontano - ha continuato Massimo Fabi, direttore generale dell'Ausl di Parma - dalla fine degli anni '90 quando con Mario Tommasini fu ideato il progetto Itaca, un percorso di liberazione e di inclusione allo stesso tempo che vedeva nella Fattoria di Vigheffio il luogo dove queste dimensioni si sarebbero realizzate. Ora tutto questo è diventato realtà e qui sarà possibile realizzare quell'idea: gli spazi della struttura che abbiamo inaugurato consentiranno di sviluppare attività cutturali e ricreative aperte a tutti, facendo della Fattoria un luogo di integrazione attraverso la socializzazione. E quindi occasione di riabilitazione, oltre che di vera occupazione lavorativa, per gli ospiti dei servizi di salute mentale che vivono qui".

"La storia della Fattoria è una storia esemplare - ha detto l'assessore alla sanità e politiche sociali del Comune di Parma Laura Rossi -  e va dato merito all'Ausl di averci creduto e soprattutto di aver contribuito in modo così determinanete alla sua realizzazione. La Fattoria è una risorsa per tutti che dev'essere per questo gestita al meglio aprendosi a tutti".  Sulla stessa lunghezza d'onda Marcella Saccani, assessore politiche sociali, volontariato e associazionismo, disabilità, politiche abitative, pari opportunità, solidarietà internazionale Provincia di Parma secondo la quale "il completamento del progetto di riqualificazione dimostra l'importanza della condivisione e dell'unione tra diversi soggetti, sia istituzionali che della coperazione: non è mai successo nella lunga storia della Fattoria di Vigheffio che sia stato previsto un investimento di questa importanza e che soprattutto si sia riusciti a portarlo a termine. Questo luogo non è solo un simbolo per il territorio, ma un luogo di  pratiche e di relazioni innovative per il benessere di tutti".

"La Fattoria - è il commento di Pietro Pellegrini, direttore Dipartimento assistenziale integrato Salute Mentale-Dipendenze patologiche Ausl Parma - rappresenta un arricchimento della rete dei servizi del dipartimento, caratterizzata da un'offerta sempre più articolata per poter rispondere ai nuovi bisogni. In questo luogo si riporta alla responsabilità di tutti, in quanto luogo aperto a tutti e collegato con il resto della società, le gestione e l'offerta di risposte ai bisogni di riabilitazione dei nostri assistiti, tramite il lavoro e un ricco programma di attività".

"Desidero confermare l'impegno - ha infine concluso l'assessore alla Cultura di Collecchio Maristella Galli - a organizzare una parte degli eventi della programmazione culturale comunale proprio qui alla Fattoria, per contribuire a creare un collegamento più forte anche con i collecchiesi. Inoltre, grazie alla
disponibilità di Radio Parma, partirà in agosto il programma quindicinale Psicoradio, curato dalla Fondazione Tommasini insieme agli ospiti della Fattoria".  

Un anno di attività

La Fattoria continua a essere un centro che i servizi del DAI SM-DP dell’AUSL hanno reso luogo privilegiato per la prevenzione e la cura delle malattie psichiatriche e laboratorio di sperimentazione di progetti innovativi, realizzati con le cooperative di solidarietà sociale e con il mondo del volontariato. In particolare, l’AUSL collabora con: Avalon, EMC 2, Pro.Ges, Sirio, Soccorso Cinofilo parmense, Fondazione Mario Tommasini, Comune di Collecchio, Provincia di Parma (Archivio Storico di Colorno). Ecco il ricco programma delle attività 2013: atelier di pittura; laboratori  di cucina; attività con il Soccorso cinofilo parmense; laboratori  feltro e riuso, coltivazione di lavanda, pollaio, orto; attività di produzione multimediale per siti e da proporre ad emittenti televisive  e radiofoniche locali; promozione di  percorsi di salute e benessere e di  attività formative, in integrazione con le compagini esistenti; programma di visite scolastiche guidate in Fattoria per presentare le attività agricole  (a partire da settembre); programma di visite scolastiche guidate per conoscere la storia della Fattoria e per trattare i temi della salute mentale (a partire da settembre). E nel  periodo estivo, da giugno a settembre, come d’abitudine, concerti ed eventi culturali programmate dalla Cooperativa  Avalon. La Fattoria infatti è e rimane anche un punto di riferimento per la città di Parma e i comuni limitrofi, come centro di aggregazione per le attività culturali, ludiche, ricreative.

Gli inserimenti lavorativi

Oggi lavorano alla Fattoria di Vigheffio 12 persone con disagio mentale. Entro l’anno, sono previsti ulteriori 18 inserimenti lavorativi. Si tratta dunque di 30 occasioni di riabilitazione e reinserimento sociale, di recupero offerte attraverso il lavoro, in un contesto protetto, adatto alle esigenze di ognuno. Un risultato che l’Azienda USL realizza grazie alla collaborazione con le diverse Cooperative locali: Avalon, EMC 2 e Soccorso Cinofilo parmense.

L’attenzione al risparmio energetico e al rispetto dell’ambiente

Sulla copertura del porticato esterno è stato posizionato un impianto fotovoltaico, in grado di provvedere a coprire parte del fabbisogno energetico del complesso. Il riscaldamento e l’acqua calda destinata alle strutture della  Fattoria e alle serre sono forniti dalla nuova centrale termica alimentata a cippato, appositamente realizzata.

Note

All’inaugurazione sono intervenuti:

  • Massimo Fabi - direttore generale Ausl Parma
  • Pietro Pellegrini - direttore Dipartimento assistenziale integrato Salute Mentale-Dipendenze patologiche Ausl Parma
  • Paolo Bianchi - sindaco del Comune di Collecchio e presidente Comitato Distretto Sud-Est
  • Laura Rossi, assessore alla sanità e politiche sociali Comune di Parma
  • Marcella Saccani, assessore politiche sociali, volontariato e associazionismo, disabilità, politiche abitative, pari opportunità, solidarietà internazionale Provincia di Parma
  • Vincenzo Bernazzoli - presidente Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria di Parma

ed erano presenti:

  • Ettore Brianti - direttore sanitario Ausl Parma
  • Elena Saccenti - direttore amministrativo Ausl Parma
  • Paolo Volta - direttore prestazioni socio-sanitarie Ausl Parma
  • Stefano Lucertini - direttore Distretto Sud-Est Ausl Parma
  • Rossella Emanuele – direttore dipartimento cure primarie distretto Sud-Est
  • Renato Maria Saviano - direttore Servizio Attività Tecniche AUSL Parma
  • Ermenegildo Deolmi – direttore Dipartimento tecnico e delle tecnologie Ausl Parma
  • Rappresentanti politici e istituzionali, professionisti ed ex-direttori AUSL,  organizzazioni sindacali, cooperative sociali, associazioni di volontariato, membri del tavolo istituzionale Fattoria di Vigheffio, referenti delle  attività della programmazione annuale della Fattoria.
Proprietà dell'articolo
modificato:martedì 16 luglio 2013

In caricamento...