Parma ricorda il sacrificio dei sanitari morti sull'ultimo volo di Charlie Alpha

La commemorazione pubblica dei 4 operatori del servizio 118 scomparsi 27 anni fa nello schianto del loro elicottero sul monte Ventasso

18/08/2017 - Un intero equipaggio perse la vita durante la missione di soccorso con il volo Charlie Alpha: la tragedia è stata ricordata questa mattina, come ogni anno, presso il cippo in via Casati Confalonieri, con la commemorazione delle vittime – il pilota Claudio Marchini, il medico anestesista Annamaria Giorgio, gli infermieri Corrado Dondi e Angelo Maffei – da parte dei colleghi e delle autorità presenti.

L’incidente avvenne alle 8.20 del 18 agosto 1990 quando l’elicottero EHCA Charlie Alpha precipitò sul monte Ventasso, a causa della nebbia fitta, dopo essersi alzato in volo dalla base dell’Ospedale Maggiore di Parma per soccorrere un ferito nell’Appennino reggiano.  

A commemorare i colleghi scomparsi in missione di soccorso davanti al cippo di via Casati Confalonieri, le principali autorità cittadine, tra le quali tutti i rappresentanti delle organizzazioni di volontariato che partecipano alla rete di emergenza-urgenza territoriale e i famigliari dell’equipaggio scomparso.

“Nel ricordo delle vittime – ha sottolineato il Direttore Sanitario dell’Ospedale Antonio Balestrino – non arretreremo nel nostro impegno di portare aiuto alle persone che hanno bisogno, grazie al volontariato e alla comunità civile che ci circonda”.

Il saluto a tutti i colleghi che operano oggi al sistema di soccorso è arrivato anche dal Direttore Amministrativo dell’Azienda Usl di Parma Marco Chiari che ha messo in luce “la forza tangibile dei valori di riferimento”.

Attivo a Parma da 29 anni con il suo primo intervento il 19 luglio 1988 a Varsi, oggi il  soccorso con elicottero dei servizi d’emergenza 118 è esteso a tutto il Paese grazie all’utilizzo di elicotteri attrezzati per le emergenze sanitarie che consentono interventi in tempi rapidi e tempestività dell’ospedalizzazione con la possibilità di scegliere il luogo di cura più idoneo a seconda della  patologia. 

L’attività prevalente dell’elicottero, gestito dalla Centrale operativa 118 Emilia Ovest, è il soccorso primario, cioè quello eseguito direttamente sul luogo dell’evento, ma ugualmente importante è l’attività di trasporto da ospedale a ospedale, in particolare verso l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma centro di riferimento regionale – secondo il modello Hub & Spoke – per le elevate specialità di Trauma center, Neurochirurgia, Cardiologia e Cardiochirurgia, Neuroradiologia, Nefrologia, Clinica Chirurgica e trapianti d’organo, Ematologia e Centro trapianti midollo osseo, Centro Ustioni e Terapia intensiva neonatale.

 

Sfoglia la galleria fotografica della cerimonia.

Proprietà dell'articolo
modificato:venerdì 18 agosto 2017

In caricamento...