Salute e alimentazione: torna la settimana mondiale per la riduzione di sale

Dall'11 al 17 marzo, con l'invito "Meno sale più salute" e tanti consigli pratici, si apre la campagna per promuovere una corretta dieta alimentare

Anche quest’anno, dall'11 al 17 marzo 2013,  l'Ausl di Parma partecipa alla campagna organizzata da World Action on Salt and Health (WASH) per promuovere la riduzione dell’assunzione di sale da cucina nell’alimentazione quotidiana.

L'invito della campagna, rivolto a tutta la cittadinanza, è "meno sale più salute": come dimostrano le evidenze scientifiche, consumare fino a 5 grammi (un cucchiaino da caffè) in meno di sale al giorno riduce del 23 % il pericolo di avere un ictus e del 17 % il pericolo di avere una malattia del cuore. 

In Italia il consumo medio di sale pro-capite è stimato pari a circa 9 - 11 grammi giornalieri. Questa quantità è più del doppio rispetto a quanto indicato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, come valore massimo tollerabile nell’adulto. La campagna quindi attraverso  consigli, suggerimenti e tabelle sensibilizza i consumatori sulla riduzione di sale nei pasti sia a casa che nei fuori casa.

Ecco alcuni consigli pratici:

  • Controlla sempre le etichette, anche delle acque minerali
  • Controlla le fonti nascoste di sale: per esempio 4  fette di prosciutto crudo contengono 3,4 gr di sale, 5 olive conservate o  una porzione di provolone, caciotta o pecorino ne contengono circa un grammo. Attenzione anche al pane, brioches e merendine! (vedi tabella allegata all'opuscolo informativo).
  • Quando sono disponibili, scegli prodotti a basso contenuto di sale (ad esempio pane ed altri derivati dei cereali senza aggiunta di sale)
  • Riscopri il piacere di una buona cucina e riduci il consumo di piatti industriali, sughi già pronti o cibi in scatola
  • Limita l’uso di condimenti contenenti sodio (dado da brodo, ketchup, salsa di soia, senape, ecc.)
  • Insaporisci i cibi con erbe aromatiche fresche, spezie o usando limone e aceto
  • Non aggiungere sale nelle pappe dei tuoi bambini almeno per tutto il primo anno di vita ed abituali ad apprezzare cibi poco salati
  • Latte e yogurt sono una buona fonte di calcio con pochissimo sale. Preferisci i formaggi freschi a quelli stagionati
  • Durante gli spuntini, frutta o spremute sono un’ottima alternativa agli snack salati
  • Nell’attività sportiva leggera reintegra con la semplice acqua i liquidi perduti attraverso la sudorazione
  • Se proprio trovate il menù insipido: solo un pizzico di sale, ma iodato

Partecipa anche tu all'invito "Meno sale più salute"!

Questi e altri suggerimenti sono pubblicati nell'opuscolo informativo realizzato per la campagna mondiale.

L'iniziativa è organizzata dalla Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU), in collaborazione con il Gruppo di lavoro Intersocietario per la Riduzione del Consumo di Sodio in Italia (GIRCSI).

Info: Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione - S.I.A.N Ausl Parma

Proprietà dell'articolo
modificato:lunedì 18 marzo 2013

In caricamento...