Sanità pubblica: tutti i dati dell'attività 2016

Aumentano i controlli ma calano le sanzioni in quasi tutti i comparti produttivi. Il Report del Dipartimento presentato a stampa e stakeholders

22/05/2017 - Controlli, ispezioni e verifiche sulla qualità e sicurezza alimentare della provincia di Parma: sono alcune delle molteplici attività del Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL di Parma, messe in campo quotidianamente dal Servizio Veterinario (Svet) e dal Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione (Sian). A queste si affianca una impegnativa attività di formazione rivolta agli operatori della filiera.

Ma il Dipartimento di Sanità Pubblica non è solo questo. Infatti, assicura anche tante altre attività e garantisce numerose prestazioni importanti per la salute e il benessere del cittadino e della collettività, attraverso i Servizi Igiene  e Sanità pubblica e i Servizi Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro.

Lunedì 22 maggio la presentazione del rapporto delle attività realizzate nel corso del 2016 dalla struttura dell’AUSL che conta oltre 240 tra professionisti e operatori.

 

"Il controllo delle filiere produttive dell'economia provinciale è garantito da tempo dai professionisti aziendali, i quali senza le numerose collaborazione con i soggetti produttivi  non avrebbbero raggiunto l'obiettivo che è comune per tutto il sistema: la qualità e la sicurezza di prodotti, commercializzazione e processi lavorativi"
Elena Saccenti, direttore generale Ausl

"Un'enorme mole di attività di verifica ha comportato un numero molto contenuto di sanzioni e provvedimenti di contestazione, conferrmando così l'eccellenza delle produzioni parmensi prime fra tutte l'agroalimentare"
Ettore Brianti, direttore sanitario Ausl Parma

"L'obiettivo di tutta la nostra attività è quello di essere una risorsa al servizio del sistema produttivo e distributivo, cercando di contribuire per quanto possibile a diminuire il fardello burocratico degli adempimenti necessari a promuovere la qualità e la sicurezza"
Paolo Cozzolino, direttore Dipartimento sanità pubblica Ausl Parma

"Dal complesso e articolato insieme di attività presentate oggi emerge come il controllo degli impatti per la salute umana e per l'ambiente delle attività produttive abbia dato risultati più che soddisfacenti. Questo grazie al fatto che all'impegno dei controllori si aggiunge quello dei controllati. E' importante tuttavia che all'interno dei territori regionali venga garantita la stessa omogeneità, nelle verifiche ai sistemi produttivi locali, in modo da non avere disparità che si possono tradurre in vantaggi competitivi per alcuni e in svantaggi per altri"
Cesare Azzali, Direttore Unione Parmense degli Industriali

IL SERVIZIO VETERINARIO

Il Servizio veterinario ha controllato 110 allevamenti suini (su 113) e 1.154 allevamenti bovini (su 1.568). Le ispezioni sui processi produttivi (alimentazione, benessere, uso del farmaco, igiene delle produzioni, anagrafe degli animali) negli allevamenti suini sono state 168 di cui 33 difformi (di gravità varia) pari al 20% (nel 2015, il 19%). Per gli allevamenti di bovini, le ispezioni totali sono state 1.660 di cui difformi 115 pari al 7% (l’anno prima, pari al 6%).

Il totale dell’attività di controllo del Servizio ha prodotto 2 sanzioni in altrettanti allevamenti equini, 21 sanzioni in 16 allevamenti bovini con 12 sospensioni di attività per la produzione del latte ad uso caseario.

Nei controlli sugli impianti di produzione di alimenti di origine animale (carni fresche, carni trasformate, prodotti a base di latte), il Servizio veterinario ha controllato: 

  • 361 impianti di prodotti a base di carne. Sono state effettuate 19.997 verifiche dei processi produttivi (materie prime, strutture e impianti, igiene lavorazioni HACCP ecc.) di cui 501 non conformi (pari al 2,5%; nel 2015, il 2,7%).
  • 224 impianti di prodotti a base di latte. Sono state effettuate 9.670 ispezioni dei processi produttivi (materie prime, strutture e impianti, igiene lavorazioni HACCP ecc.) di cui 364 sono risultate non conformi (pari al 3,8%; il 4,3% l’anno precedente).
  • 9 gli impianti di macellazione controllati per un totale di 12.680 ore di attività ispettiva (ed una macellazione di 1.062.460 suini e 31.374 tra bovini ed equini).
  • Importante anche l’attività di controllo sull’esportazione verso Paesi terzi dei prodotti di origine animale, con un totale di 166 stabilimenti abilitati all’export presso i quali sono stati emessi 12.918 certificati. I controlli, nel settore della trasformazione degli alimenti di origine animale hanno determinato l’emissione di 13 sanzioni.

 

Guarda la presentazione del servizio

  

IL SERVIZIO IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE

Per quanto riguarda l’attività ispettiva, il SIAN ha effettuato 1.332 controlli in aziende di produzione, somministrazione, distribuzione e commercio di alimenti. A seguito dell’attività ispettiva, sono stati riscontrati solo 3 casi di potenziale pericolo per la salute pubblica (contro i 13 del 2015) che hanno comportato proposte di sospensione o revoca dell’autorizzazione all’attività. Tale dato è in diminuzione rispetto al trend rilevato dal 2011, unitamente al dato riguardante i sequestri (che sono stati  8) ed è indicativo della qualità del settore alimentare locale. Sono stati eseguiti 494 campioni di alimenti, nessuno è risultato irregolare. In merito all’attività di controllo svolta sulla qualità dell’acqua potabile della rete pubblica, sono stati effettuati 1.448 prelievi che hanno interessato sia i punti di captazione che gli impianti e le reti di distribuzione unitamente a 20 ispezioni alle strutture di erogazione. Contestualmente, l’Area funzionale di Igiene della Nutrizione del SIAN ha effettuato la campagna di sorveglianza sanitaria sul campione di popolazione scolastica individuato (556 bambini). E’ stata effettuata anche attività di vigilanza, controllo e formazione sugli Operatori del settore alimentare in materia di celiachia, è stata assicurata la partecipazione ai progetti regionali sui corretti stili di vita (“Paesaggi di Prevenzione”, “Scegli con gusto e gusta in salute”, “Una Comunità che guadagna salute”) ed è stata regolarmente svolta l’attività di controllo sulla ristorazione scolastica, in relazione all’applicazione degli standard quali e quantitativi ai menù, così come previsto dalla normativa regionale. La funzione di prevenzione e contrasto dell’obesità è stata esplicata attraverso l’attività dell’ambulatorio di dietetica e counselling nutrizionale dedicato alla fascia di età adulta (18 – 50 anni) ed è stato istituito l’ambulatorio pediatrico dell’obesità. Entrambe le attività si svolgono alla Casa della Salute “Parma Centro”.

Guarda la presentazione del servizio

  

IL SERVIZIO IGIENE E SANITA’ PUBBLICA

Comprende:

  • l’area profilassi e malattie infettive, con vaccinazioni e consulenze sanitarie per viaggi internazionali (4.485 persone); con 3.381 notifiche di malattie infettive (es. dengue, west nile, tubercolosi, salmonellosi, ecc.) per le quali il servizio ha garantito 3.426 interviste; sono state 23.863 le dosi di vaccini somministrate (esclusa la vaccinazione antinfluenzale).
  • l’area igiene del territorio e ambiente costruito, che ha garantito attività di sorveglianza sanitaria ed epidemiologia ambientale (sorveglianza inceneritore di Parma e indagine area di Rubbiano); 1.375 le ispezioni in strutture di uso collettivo (scuole, alberghi, strutture sportive, sanitarie, socio-assistenziali, ecc.); 127 i pareri su strumenti urbanistici e nell’ambito di autorizzazioni ambientali e 177 le Conferenze di Servizio; 480 i pareri per autorizzazioni in ambiente confinato e 53 le Conferenze di Servizio.
  • la tutela e la promozione dell’attività fisica e la medicina dello sport, realizzata attraverso la partecipazione a progetti di promozione dell’attività fisica (PassiOn, Paralympic, Palestra Sicura Prevenzione e Benessere) rivolti a tutta la popolazione e anche ad adolescenti con grave disabilità; le visite di idoneità alla pratica sportiva (9.021); la prescrizione ed il monitoraggio di attività fisica a soggetti con patologie croniche (63).
  • la medicina legale, con l’attività delle commissioni per l’accertamento della disabilità (1.213 sedute di commissioni e 10.255 visite); le visite di idoneità alla guida per soggetti con patologie (6.268); gli accertamenti ambulatoriali (8.612 visite); la certificazione per astensione anticipata dal lavoro per lavoratrici in gravidanza (786).

 

Guarda la presentazione del servizio

 

IL SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO

L’attività di vigilanza ha interessato 2.095 aziende di cui 1.158 operanti in edilizia, con 709 cantieri ispezionati.

Sono stati redatti 415 verbali, di cui 231 di prescrizione, 29 di disposizione e 147 di sanzione amministrativa; 8 sono stati i sequestri (14 nel 2015).

I proventi 2016 per il pagamento di 758 sanzioni comminate sono stati di 426.644 euro e di circa 68.000 euro per le sanzioni amministrative.

I pareri espressi su documentazioni trasmesse da Aziende, Comuni, ecc., su specifici progetti (insediamenti produttivi, gas tossici, ecc.) sono stati 383; 2.389 è il numero di visite effettuate dal Servizio, di cui 416 dall’ambulatorio specialistico di Medicina del Lavoro; 376 gli incontri effettuati con le figure del sistema di prevenzione aziendale.

Con la quota del 9,9% raggiunta nel 2016, è stato superato l’obiettivo assegnato dalla Regione del 9% annuo delle PAT controllate (Posizioni Assicurative Territoriali attribuite dall’Inail ad ogni unità locale, che ha pagato il premio assicurativo al momento di inizio attività).

Guarda la presentazione del servizio

 

Per consultare tutti i piani e i report di attività del Dipartimento di sanità pubblica clicca qua

Alla conferenza stampa

Alla Conferenza Stampa che si è tenuta lunedì 22 maggio ore 11.30 nella Sala Riunioni  - Direzione Generale AUSL,  Strada del Quartiere 2/A - Parma, erano presenti: 

Elena Saccenti, Direttore Generale Azienda Usl

Ettore Brianti, Direttore Sanitario Azienda Usl

Paolo Cozzolino, Direttore Dipartimento Sanità Pubblica Azienda Usl

Cesare Azzali, Direttore Unione Parmense degli Industriali

Matteo Curti, in rappresentanza dell’Ordine dei Medici chirurghi ed Odontoiatri della provincia di Parma 

Francesco Zilioli, Direttore Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione 

Mauro Cavalca, Direttore Servizio Sanità Animale 

Marella Zatelli, Direttore area Profilassi e Malattie Infettive 

Francesco Magnani, Direttore del Servizio Prevenzione e Sicurezza in Ambienti di Lavoro 

Rappresentanti di istituzioni ed organismi di produzione e tutela del settore agro-alimentare e dei consumatori finali

 

 

 

 

 

 

Proprietà dell'articolo
modificato:venerdì 26 maggio 2017

In caricamento...