Al Teatro Comunale di Fontanellato, la conclusione della rassegna “40+1: oltre i 40 anni della legge Basaglia”

Con lo spettacolo “Tutti i segni di una manifesta pazzia”, il 12 aprile e l’incontro con Pino Roveredo, domenica 14. Un’iniziativa di Azienda USL, Comune di Colorno, Fondazione Mario Tommasini e Coop. Sirio

12/04/2019 - Doppio appuntamento a teatro per la conclusione della rassegna “40+1: oltre i 40 anni della legge Basaglia”, organizzata dall’AUSL di Parma, Comune di Colorno, Fondazione Mario Tommasini e Coop. Sirio per mantenere alta l’attenzione sulla rivoluzione culturale, storica, sociale e sanitaria della riforma psichiatrica sfociata nella Legge 180 del ’78.

Al Comunale di Fontanellato - in via Sanvitale n. 21 – il 12 aprile alle 21 (con repliche il 13 e 14, sempre alle 21) va in scena “Tutti i segni di una manifesta pazzia”, con Franca Tragni e Carlo Ferrari.    Lo spettacolo, liberamente ispirato al libro “Tutti i segni di una manifesta pazzia. Dinamiche di internamento femminile nel manicomio di Colorno (1880-1915)” di Stefania Re, porta in scena testimonianze e lettere mai spedite di donne internate che hanno subito oltre il "furto dell'amore", il rifiuto da parte della famiglia e della collettività.

Inoltre, domenica 14 aprile, alle 17.30, sempre al Teatro Comunale di Fontanellato ci sarà l’incontro "Teatro. Le biografie. La restituzione", con la partecipazione di  Pino Roveredo  scrittore e già Garante dei detenuti della Regione Friuli Venezia Giulia, Stefania Re, Franca Tragni, Carlo Ferrari e Maria Inglese, psichiatra dell’AUSL.

Per informazioni e prenotazioni teatrofontanellato@gmail.com -  cel. 3274089399  - www.teatrofontanellato.it

Proprietà dell'articolo
modificato:venerdì 12 aprile 2019

In caricamento...