La rete di servizi per il controllo del dolore

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare

Il primo riferimento è il medico di famiglia
È lui a fare una prima valutazione del dolore e delle sue caratteristiche, per indirizzarti eventualmente verso lo specialista del dolore, l’algologo, generalmente un medico anestesista-rianimatore. Il medico ti ascolta, raccoglie un'accurata storia del tipo di dolore provato, ne valuta l’intensità, le caratteristiche, gli effetti che produce, anche sul tuo stato emotivo. La corretta valutazione del dolore è fondamentale per il suo efficace trattamento attraverso terapie farmacologiche.
 
Ospedale senza dolore
Nei due ospedali dell’Ausl, a Fidenza e a Borgotaro, si pratica il controllo del dolore dopo l’intervento chirurgico, dall’appendicectomia, agli interventi più complessi. Con una terapia adeguata infatti è possibile attenuare molto il dolore, fino ad eliminarlo. Ciò consente al malato di affrontare meglio il decorso post-operatorio e la convalescenza, di fare esercizi respiratori e di fisioterapia, di cominciare a camminare più rapidamente. Più semplicemente, consente di accelerare il processo di guarigione.
Se il paziente sente dolore, deve comunicarlo subito al medico o all’infermiere del reparto dove è ricoverato. Non bisogna preoccuparsi di essere insistente: il medico e l’infermiere hanno bisogno di sapere come sta il paziente, per adeguare le terapie in base alle sue esigenze.
Un ulteriore contributo per prevenire e ridurre il dolore è dato dagli interventi con la tecnica chirurgica - relativamente recente e ormai affinata -  della videolaparoscopia, praticati nei due presidi ospedalieri aziendali. Anche per operazioni di rilievo, in particolare all’addome, questa tecnica consente di evitare tagli di grandi dimensioni, in quanto è sufficiente praticare tre piccoli fori. Questo permette di eliminare i tipici dolori post-operatori legati alle importanti ferite chirurgiche, di ridurre il rischio di eventuali complicanze e di accelerare la guarigione e la conseguente dimissione dall’ospedale.

 

Ambulatorio contro il dolore

  •  A Borgotaro, presso il presidio ospedaliero l'ambulatorio di terapia antalgica, aperto il martedì dalle 9 alle 12.30.
  • A Fornovo ambulatorio cure palliative presso il polo sanitario, aperto il mercoledì dalle 14 alle 17.45.
  • A Fidenza ambulatorio medicina del dolore presso l'ospedale di Vaio aperto i mercoledì e giovedì dalle 8 alle 14

Accesso: è necessaria la prenotazione tramite gli sportelli CUP, con la prescrizione del medico di famiglia.

 GLI HOSPICE: I CENTRI PER LE CURE PALLIATIVE

 L'ASSISTENZA DOMICILIARE

Proprietà dell'articolo
modificato:giovedì 3 aprile 2014

In caricamento...