Guarda tutti i video

  • Segui il canale Youtube

Come fare per...

Don't shake the baby: il progetto
per le neomamme

Un'iniziativa di Associazione Colibrì, Università di Parma e Aziende sanitarie locali con il contributo di Comune di Parma e Fondazione Cariparma

Il tuo bambino piange troppo? Vuoi consigli su come comportarti?

Il progetto Don't shake the baby (Non scuotere il bimbo) si propone di informare le neo mamme sui corretti comportamenti da tenere di fronte al pianto prolungato del neonato, per prevenire la “sindrome del bambino scosso” che causa gravi danni cerebrali e perfino la morte.

Il progetto, a cura della Prof.ssa Cinzia Magnani, è stato realizzato grazie alla colloborazione tra Associazione Colibrì, Ausl e Azienda ospedaliero-Universitaria di Parma con il contributo di Comune di Parma e Fondazione Cariparma.

Per maggiori informazioni puoi sempre rivolgerti al tuo consultorio oppure al tuo medico di fiducia.

Guarda il video su www.dontshakebaby.com

Don't shake the baby: cosa devi sapere

  • COSA SAPERE

Alcuni bambini nei primi mesi di vita possono piangere molto.

Come molti piccoli nel mondo animale piangono per richiedere attenzione, protezione e nutrimento. Il pianto può essere, pertanto, considerato come un comportamento innato e parte integrante del normale sviluppo del bambino.

I neonati iniziano a piangere a 2-3 settimane di vita con intensità crescente fino a 4-6 settimane. La causa del pianto sono spesso le cosiddette “coliche” che avvengono di frequente nelle ore serali. In seguito il pianto si riduce gradualmente fino al 4°-5° mese di vita del bambino, periodo in cui riusciamo meglio a comprenderne il significato.

Il pianto prolungato è da considerarsi normale?

Il bambino può continuare a piangere per ore, anche con smorfie di dolore, senza che ci sia un reale problema di salute. Vi è grande variabilità tra i neonati e il fatto che il vostro bambino pianga più di altri non significa che abbia o avrà in futuro problemi di salute. Anche se tutto ciò può creare grande preoccupazione e ansietà, ricordatevi che, dopo i primi mesi, smetterà.

  • COSA FARE

Come si può rimanere tranquilli di fronte a un pianto così insistente ed essere sicuri che non ci sia un serio problema di salute?

Richiedete un controllo del pediatra e, una volta avute rassicurazioni sul suo stato di salute, ricordate che il pianto prolungato fa parte del normale sviluppo del vostro bambino e dopo i primi mesi cesserà. Non attribuite nessuna colpa o responsabilità a voi stessi.

Come ci si deve comportare se il pianto del bambino persiste?

Prendetelo in braccio, ninnatelo cantando dolcemente una canzone, fategli un bel bagnetto caldo oppure programmate un’uscita in macchina o con la carrozzina. Vedrete che si calmerà.

E se continua?

Non drammatizzate, sapete che è una fase tipica dei primi mesi di vita e che passerà.

Se vi sentite troppo stanchi, potete mettere il vostro bambino nella culla supino e prendervi una pausa. Telefonare ad un amico, ascoltare una canzone, leggere un giornale sono attività che possono distrarvi e farvi avvicinare poco dopo al vostro bambino più calmi e sereni.

  • COSA NON FARE

 Ricordate: MAI SCUOTERE IL BAMBINO nel tentativo di farlo smettere.

I muscoli del collo sono ancora troppo deboli e i bruschi movimenti del capo in avanti e indietro causano lesioni irrimediabili al suo sistema nervoso.

Scuotere il bambino può provocare convulsioni, disabilità motorie e intellettive, gravi danni alla vista e anche la morte!

È necessario, pertanto, che tutti coloro che si prendono cura del vostro bambino siano informati della pericolosi

Proprietà dell'articolo
modificato:giovedì 16 giugno 2011

In caricamento...