Consigliera di fiducia

Il ruolo e le attività svolte dalla figura istituzionale

La Consigliera di fiducia, è una figura di nuova istituzione, nata sulla base di Raccomandazioni della Comunità europea, con la finalità di garantire l’attuazione dei Codici di Condotta istituiti nelle Aziende Pubbliche o Private.

L'Azienda USL di Parma  ha deliberato il Codice di Condotta contro le molestie sessuali e per la pari dignità sul luogo di lavoro con vari atti (Delibera 500/2009 e Delibera 3034/2017).  Con delibera 621 del 30/08/2018 il Direttore Generale ha nominato come Consigliera di fiducia Elisa Violante, che opera in stretta collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia (CUG).

Il  mandato della Consigliera di fiducia è relativo alla attuazione del Codice di condotta e prevede oltre alle funzioni di assistenza e consulenza ai/alle dipendenti, anche attività formative e di prevenzione.

Il suo ruolo è quello di offrire un supporto ai dipendenti, in caso di molestie, omofobia, discriminazioni,  comportamenti sgraditi; di tentare conciliazioni e mediazioni in caso di conflittualità relazionali; di fornire informazioni , ma anche quello di suggerire azioni tese a migliorare l’ambiente lavorativo.

Per quanto riguarda il lavoro di consulenza individuale a lavoratori/ lavoratrici, viene garantita la assoluta riservatezza, anche attraverso le modalità di contatto che sono

  •  una linea telefonica dedicata: 3666709073 con servizio esclusivo di segreteria telefonica; il cellulare è posto nella modalità "silenzioso" e chiamando il numero dedicato si attiva in automatico la segreteria telefonica . Con questi accorgimenti si garantisce la totale riservatezza e si evita che la Consigliera  debba rispondere ad una chiamata mentre sono presenti altre persone.
  •  una mail dedicata: consiglieradifiducia@ausl.pr.it  con accesso riservato

 

La sede istituzionale è presso l’ufficio della Presidente del CUG, Strada del Quartiere ma anche per garantire riservatezza la Consigliera si sposta in base al bisogno e concorda con le persone i luoghi e le sedi più opportune dove effettuare il colloquio. E’ importante sottolineare che il colloquio con la Consigliera di Fiducia può essere richiesto anche per semplici consulenze, per chiarimenti e informazioni  inerenti i temi delle molestie, delle discriminazioni e del mobbing. In molti casi è di grande aiuto solo il fatto di poter parlare di situazioni percepite come problematiche con una persona esterna al contesto lavorativo Ogni eventuale azione successiva al primo colloquio e l’eventuale coinvolgimento di altri soggetti avviene solo su preciso mandato e consenso della persona interessata.

Fondamentale, per mantenere viva la attenzione su questa figura, è la  restituzione puntuale e periodica del lavoro svolto che si esplica attraverso la relazione annuale al Direttore generale, i resoconti al Comitato Unico di Garanzia e, in forma molto sintetica, ai dipendenti attraverso gli opportuni spazi informativi.

La Consigliera è disponibile a partecipare anche ad incontri di Servizio, di Unità operativa ,di equipe o di piccoli gruppi di dipendenti per illustrare la sua attività e la sua funzione. In questo caso è opportuno contattarla, per concordare le modalità di incontro, utilizzando la mail consiglieradifiducia@ausl.pr.it

Proprietà dell'articolo
modificato:martedì 11 dicembre 2018

In caricamento...