Una scultura in legno per l’Ospedale di Vaio

Un angelo in croce a rappresentare il sacrificio e la speranza. Il dono di Nicola e Ireneo Passera, per ringraziare i professionisti sanitari e lasciare un ricordo alle future generazioni dell’emergenza dovuta al covid-19

22/06/2020 - Un angelo in croce a rappresentare il sacrificio  e la speranza è l’opera ideata e realizzata da Nicola Passera, con la collaborazione del padre Ireneo, donata all’Ospedale di Vaio.

Il sacrificio  e la speranza è quanto gli artisti hanno voluto rappresentare, esplicitato anche nella dedica, scritta nella base dell’opera: “A tutti gli Angeli messi in croce dal covid-19”.

 Una scultura di oltre 2 metri, che ha preso forma – in due mesi di lavoro - da un tronco di cedro del Libano, grazie alle mani abili e competenti dei due falegnami.

“L’idea è nata  all’inizio del lock-down – spiega Nicola Passera – con un duplice obiettivo: ringraziare i professionisti sanitari e più in generale tutte le persone impegnate in prima linea nella gestione dell’emergenza dovuta al covid-19 e lasciare un ricordo alle future generazioni di questo periodo, che ci auguriamo possa essere ormai passato. Con queste motivazioni -  conclude Passera – è stato naturale individuare il destinatario del nostro lavoro: l’Ospedale di Vaio.”

Ed è proprio all’ingresso dell’Ospedale, che la scultura ha trovato sistemazione, a partire da venerdì 19 giugno, quando si è svolta una breve cerimonia di ringraziamento ai donatori, alla presenza, per l’AUSL, di: Massimo Fabi, commissario straordinario, Giuseppina Frattini, direttore sanitario, Marco Chiari, direttore amministrativo, Andrea Deolmi, direttore del distretto di Fidenza; Andrea Massari, sindaco  del Comune di Fidenza, Filippo Fritelli, sindaco del Comune di Salsomaggiore, Giorgio Pigazzani, presidente del Comitato di distretto di Fidenza.

Proprietà dell'articolo
modificato:venerdì 26 giugno 2020

In caricamento...