Guarda tutti i video


  • Segui il canale youtube

Come fare per...

Coronavirus-Scuola: il piano di interventi del Tavolo tecnico Ausl con pediatri e rappresentanti scolastici per la riapertura e le lezioni in sicurezza

Mini task-force in ogni distretto sanitario della provincia per intervenire in caso di necessità, canali informativi specifici con i referenti scolastici Covid-19, accessi dedicati alle postazioni per fare il tampone

11/09/2020 - Mini task-force di professionisti in ogni distretto sanitario della provincia pronte a intervenire in caso di necessità, canali informativi specifici con i referenti covid-19 di ogni scuola provinciale, accessi dedicati alle postazioni dei test tampone per i casi eventualmente positivi.

“Sono le azioni principali del piano di interventi per la ripartenza delle scuole in sicurezza – sostiene il Commissario straordinario dell’Azienda Usl di Parma, Anna Maria Petrini – che sono state elaborate dal Tavolo tecnico Ausl dove da inizio agosto hanno lavorato insieme i professionisti del Servizio igiene e sanità pubblica, i pediatri delle famiglie e i rappresentanti delle Istituzioni scolastiche di Parma e provincia”.

Alle azioni decise dal Tavolo tecnico si aggiungono le disposizioni regionali e ministeriali in corso di applicazione dal 1° settembre in tutte le scuole ovvero le regole di igiene e protezione personale (mascherina), il distanziamento di almeno un metro, la rilevazione della temperatura agli ingressi, e il richiamo alla responsabilità individuale di ogni adulto per il proprio stato di salute e per quello dei minori in affido genitoriale. Per maggiori info leggi anche il comunicato della Regione Emilia-Romagna 

MINI TASK-FORCE

In ognuno dei quattro distretti sanitari della provincia l’Azienda Usl ha istituito delle unità di intervento formate da un medico igienista del Servizio di igiene pubblica, un tecnico della prevenzione e dal coordinatore della Pediatria comunità, per intervenire a seconda delle necessità o delle particolari casistiche comunicate dal referente Covid-19 nominato da ogni Istituto scolastico al proprio interno.

INFO AUSL-SCUOLE

Il Tavolo tecnico ha attivato per ogni Istituto scolastico provinciale una canale informativo dedicato con il Servizio di igiene e sanità pubblica dell’Ausl, che consiste in una linea telefonica e in un’e-mail a disposizione esclusiva per i referenti scolastici Covid-19.

SOSPETTI COVID E NON

Se un alunno rimane a casa per più giorni con febbre, malessere o altre indisposizioni in base alla valutazione del proprio pediatra (o medico di medicina generale) potranno verificarsi due situazioni.

Se si sospetta un caso di Covid-19, il pediatra di libera scelta (o medico di medicina generale) valuta se richiedere, con le modalità già previste l’esecuzione del tampone diagnostico. Allo scopo, l’Azienda Usl mantiene attive le postazioni, con accessi dedicati, per fare i tamponi in modalità drive-through (senza scendere dall’auto) al parcheggio scambiatore “Campus” a Parma, all’Ospedale di Vaio a Fidenza, alla Casa della Salute a Langhirano e alla postazione nel piazzale delle scuole a Borgotaro. Gli alunni minorenni dovranno essere accompagnati da un genitore.

In caso di esito positivo, il Dipartimento di sanità pubblica avviserà il referente scolastico Covid-19 e l’alunno rimarrà a casa fino alla scomparsa dei sintomi e all’esito negativo di due tamponi, eseguiti ad almeno 24 ore di distanza, seguendo le indicazioni del Dipartimento in merito alla riammissione in comunità. L’alunno rientrerà poi a scuola con attestato del Dipartimento di sanità pubblica di avvenuta guarigione.

In caso di esito negativo, invece, il pediatra di libera scelta (o medico di medicina generale), una volta terminati i sintomi, produrrà un certificato di rientro in cui deve essere riportato il risultato negativo del tampone. Nel caso, invece, di sintomatologia non riconducibile al Covid-19, il pediatra di libera scelta (o medico di medicina generale) gestirà la situazione come normalmente avviene, indicando alla famiglia le misure di cura e concordando, in base all’evoluzione del quadro clinico, i tempi per il rientro in comunità. Come già previsto (Legge regionale 9 del 2015) non è richiesta certificazione medica per la riammissione alla frequenza scolastica, né autocertificazione della famiglia.

 I TEST ESEGUITI (dati aggiornati al 14/09)

Dal 26 agosto al 14 settembre le équipe infermieristiche dedicate dell’Azienda Usl hanno eseguito 5053 test rapidi sierologici al personale scolastico, che si è prenotato sulla piattaforma online del sito Internet o tramite la linea telefonica attivata. Ai test eseguiti dall’Ausl se ne aggiungono 662 effettuati dai medici di medicina generale aderenti, in tutta la provincia, alla campagna di screening. L’8% circa del totale dei test sierologici è risultato positivo: gli interessati si sono quindi sottoposti al successivo tampone e in soli 6 casi si è registrata una positività al Coronavirus.


TORNIAMO TUTTI A SCUOLA: dal sito della Regione tutte le informazioni e gli strumenti utili per tornare a scuola in sicurezza.

Proprietà dell'articolo
modificato:lunedì 21 settembre 2020

In caricamento...