Borgotaro, “Gli amici della Valle del Sole” donano una nuova auto per le cure palliative domiciliari

Il mezzo verrà utilizzato su tutto il territorio distrettuale, dove sarà operativo in modalità H-24 e consentirà di potenziare il servizio di cure domiciliari nel distretto Val di Taro e Ceno

20/12/2023 - Una nuova auto, che andrà a potenziare il servizio di cure palliative domiciliari in valtaro e valceno. Si tratta, ancora una volta, di una donazione frutto della generosità dell’associazione “Gli amici della Valle del Sole” che, grazie all’organizzazione di iniziative benefiche e alla raccolta di offerte, ha messo a disposizione degli operatori del distretto Valli Taro e Ceno dell’Ausl un automezzo del valore complessivo di circa 23 mila euro.

L’auto donata, la terza in un anno, è una Suzuki Ignis a trazione integrale e ad alimentazione ibrida, che verrà utilizzata dal Servizio di assistenza domiciliare; in particolare, grazie a questo mezzoverrà potenziata la rete delle cure palliativeattiva 24 ore su 24 in tutto il territorio distrettuale. “Desidero ringraziare di cuore – ha commentato il commissario straordinario dell’Ausl di Parma Massimo Fabi - gli amici della Valle del Sole, che ancora una volta hanno dimostrato grande vicinanza e sensibilità a cittadini e operatori. Con questa auto – ha concluso Fabi – si supporta un progetto che, per la prima volta in provincia, porta le cure palliative a domicilio sulle ventiquattro ore”.

Sarà quindi possibile effettuare visite, terapie e controlli a domicilio, a tutte le ore e tutti i giorni dell’anno. La trazione “4x4” inoltre, potrà anche garantire una maggiore sicurezza per gli operatori, in caso di fondo stradale innevato o ghiacciato, mentre l’alimentazione ibrida consentirà di ridurre i consumi e le emissioni di gas di scarico.

Voglio esprimere profonda gratitudine – sono state le parole di Giuseppina Rossi, direttore del distretto Valli Taro e Ceno dell’Ausl - per questo ennesimo gesto di generosità, che qualifica ulteriormente il nostro sistema di cure e lo potenzia in un’ottica di prossimità e appropriatezza.”

Portare le cure palliative a domicilio – ha invece aggiunto il presidente dell’associazione Gli amici della Valle del Sole Renato Delchiappo – significa garantire ai pazienti assistenza e cure altamente qualificate, direttamente nella loro casa, circondati dall’affetto dei propri cari. Ecco perché abbiamo creduto insieme all’Ausl – ha concluso - nell’importanza di questo progetto e di supportarlo con gesti concreti.”

 

IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

Il Servizio di assistenza domiciliare dell’Ausl, conosciuto anche come ADI (acronimo di Assistenza Domiciliare Integrata), garantisce assistenza infermieristica a tutti i cittadini che, per motivi di salute sono allettati o impossibilitati ad essere trasportati nelle strutture sanitarie ed hanno necessità di terapie od esami. Se necessario sono a disposizione, oltre al medico di famiglia, anche medici specialisti (ad esempio palliativista, cardiologo, geriatra,  fisiatra, pneumologo). L’équipe assistenziale è a disposizione anche per assicurare gli ausili, ad esempio letti antidecubito, i presidi, come i pannoloni ed i farmaci che occorrono, compresi quelli per la terapia del dolore. Il Servizio domiciliare del distretto Valli Taro e Ceno è attualmente composto da dieci infermieri. Nel corso del 2023grazie al percorso di formazione finanziato proprio dall’Associazione Gli amici della Valle del Sole, è stato possibile organizzare, in via sperimentale, l’assistenza h24 in cure palliative su tutto il territorio distrettuale e h12 nei distretti di Fidenza e Sud-Est, garantendo così alle persone malate e alle loro famiglie di rimanere al proprio domicilio senza invii inappropriati alla rete dell’emergenza-urgenza.

 

L’HOSPICE “LA VALLE DEL SOLE”

La Valle del Sole, struttura del dipartimento Cure primarie del distretto Valli Taro e Ceno, è attiva dal marzo 2005 all’interno dell’ospedale Santa Maria di Borgotaro. E’ un centro di eccellenza dove il paziente è considerato soprattutto una persona e dove il prendersi cura, anche nella sofferenza e nel dolore, è la terapia più importante. Le persone ricoverate sono assistite da un’équipe a direzione infermieristica composta  da infermieri, operatori socio-sanitari,  medici di medicina generale e palliativisti, psicologi, assistenti sociali e volontari.

Da novembre 2017 l'hospice La Valle del Sole è inoltre divenuto polo di formazione nazionale per la gestione della persona affetta da SLA, grazie ad una convenzione stipulata tra l'Azienda Usl di Parma, l'Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica (AISLA) e l'Associazione Gli amici della Valle del Sole.

 

Note

GLI AMICI DELLA VALLE DEL SOLE

L’associazione Gli amici della Valle del Sole è stata fondata nel 2006 per sostenere il Centro di cure palliative con iniziative culturali, formative, divulgative e di raccolta fondi, condividendo pienamente la mission dell’hospice, vale a dire garantire la migliore qualità di vita possibile al malato ed alla sua famiglia. Nel 2007, è stato inoltre realizzato il progetto “le Coccinelle” per creare un nucleo di volontari da inserire nel Centro. Ad oggi le Coccinelle sono dodici ed offrono il loro sostegno alle persone che soggiornano in hospice tutti i giorni della settimana, compresa la domenica. Dal 2006, Gli amici della Valle del Sole hanno raccolto fondi e donazioni per una cifra di circa 500mila euro, utilizzati per la formazione e l’aggiornamento dei professionisti dell’hospice, per l’acquisto di mobili, arredi, materiali e presidi sanitari, oltre ad iniziative di divulgazione e sensibilizzazione sulle cure palliative.
Proprietà dell'articolo
modificato:lunedì 4 marzo 2024

In caricamento...