Guarda tutti i video

  • Segui il canale Youtube

Come fare per...

Quarta dose: via alla collaborazione Ausl e medici di famiglia per le somministrazioni

Siglata l’intesa con le organizzazioni sindacali FIMMG e SNAMI per le vaccinazioni agli over 80 e ai fragili dai 60 ai 79 anni nelle strutture anziani, a domicilio e nelle Case della Salute

22/04/2022 - Continua la campagna vaccinale contro i coronavirus e si rinnova la collaborazione tra Azienda Usl e medici di medicina generale.

Corrado Parodi, per la FIMMG e Antonio Slawitz per lo SNAMI hanno siglato un accordo con la Commissaria Straordinaria dell’Azienda Usl di Parma  Anna Maria Petrini, per la somministrazione della quarta dose o “second booster” a favore dei cittadini ultra 80enni e delle persone con particolari patologie di età compresa tra i 60 e i 79 anni. Si tratta di una platea  di circa 40.000 persone.

Come già avvenuto nelle precedenti fasi della campagna vaccinale, i medici che aderiscono a questa nuova intesa, collaborano con l’Azienda Usl per garantire la  vaccinazione nelle strutture residenziali per anziani, al domicilio, nelle Case della Salute. Già dalla prossima settimana, iniziano le prime somministrazioni.

In particolare, per le vaccinazioni a domicilio, si ricorda che sono garantite a coloro che per condizioni di salute non sono trasportabili con mezzi ordinari e che quindi non possono raggiungere i centri vaccinali. Non è necessaria la prenotazione: le persone vengono contattate dal proprio medico o da operatori dell’Azienda Usl che comunicano giorno e ora dell’accesso.

Chi vuole ricevere la quarta dose negli ambulatori del proprio medico nelle Case della Salute, dai prossimi giorni, può contattare direttamente il professionista per  verificare la sua disponibilità e quindi fissare l’appuntamento.

Si ricorda che sia per gli over 80 che per i fragili dai 60 ai 79 anni è necessario che siano trascorsi almeno 120 giorni dalla terza dose; sono esclusi coloro che hanno contratto l'infezione dopo il primo booster (terza dose).

Resta confermato che la somministrazione del “second booster” continua ad essere assicurata anche nei centri vaccinali dell’Azienda Usl  a Parma, all’hub vaccinale dell’ex centro stampa di Gazzetta di Parma in via Mantova; a Langhirano alla Casa della Salute in via Roma; a Fidenza all’Ospedale di Vaio in via Don Tincati; a Borgotaro alla sede dell’Avis in via Stradella, con le modalità di accesso indicate qui

 

 

 

Proprietà dell'articolo
modificato:venerdì 22 aprile 2022

In caricamento...