Papilloma virus, informazioni sulla vaccinazione

Vaccino gratuito per gli adolescenti, femmine e maschi, a partire dagli 11 anni fino ai 18, e per le giovani donne fino a 26 anni

Il Papilloma virus è un gruppo di virus molto diffuso, che si trasmette con i rapporti sessuali, anche non completi. Ne esistono oltre 100 tipi, di cui più di 40 possono provocare infezioni dell’apparato genitale maschile e femminile(principalmente collo dell’utero e vagina). Generalmente, queste infezioni sono transitorie, asintomatiche (cioè la donna non si accorge di nulla) e nella maggior parte dei casi guariscono spontaneamente.

Alcuni tipi di HPV possono provocare, anche se raramente, alterazioni cellulari delle mucose genitali che, se persistenti e non curate, possono evolvere in tumore

Non esiste una cura specifica per l’infezione da HPV.

Per diagnosticare le alterazioni delle cellule del collo dell'utero provocate dal virus si esegue l'HPV test oppure il Pap test. Per le altre sedi (vulva, vagina, pene, ano, orofaringe) attualmente non esisistono programmi di screening. 

Per impedire l'infezione e le possibili alterazioni cellulari che possono portare al tumore, la vaccinazione è il mezzo più efficace. Il vaccino ha lo scopo di prevenire l'infezione, non di curarla: è quindi opportuno somministrarlo quando una persona non è ancora venuta in contatto con il virus, prima cioè dell'inizio dei rapporti sessuali. Il vaccino è sicuro e ben tollerato. Dopo la vaccinazione si possono osservare dolore e rossore nella zona dell'iniezione, e più raramente febbre, nausea, mal di testa, dolori articolari. In genere sono sintomi di lieve entità e di breve durata. 

Il vaccino attualmente utilizzato protegge verso 9 tipi di papillomavirus tra i più pericolosi; in Emilia-Romagna  la vaccinazione viene offerta gratuitamente alle ragazze e ai ragazzi (a partire dai nati nel 2006) nel dodicesimo anno di vita attraverso lettera di invito dell’Azienda Usl di residenza presso gli ambulatori della Pediatria di Comunità del proprio Distretto di residenza.

Nella lettera, recapitata al domicilio degli interessati, viene indicato giorno, orario e sede dell’ambulatorio in cui recarsi per effettuare la vaccinazione. Il vaccino viene somministrato in due o tre dosi, a seconda dell'età. 

Dopo l’invito, il diritto alla vaccinazione gratuita presso gli ambulatori dell'Ausl rimane valido per i maschi, fino al compimento del diciottesimo anno di età. Con Delibera regionale 1045 del 24/06/2019,  la profilassi anti-papilloma virus viene estesa  gratuitamente alle giovani donne fino a 26 anni, mai vaccinate in precedenza. Rientrano nell’ampliamento della copertura vaccinale gratuita anche le donne che hanno subito recenti trattamenti per il trattamento delle lesioni Hpv correlate, per ridurre il rischio di possibili recidive. Infine, la gratuità di questa vaccinazione è stata estesa anche alle persone che devono svolgere terapie con immunomodulatori e immunosoppressori. Le modalità organizzative sono in corso di definizione. 

Inoltre, per chi non rientra nelle categorie sopradescritte, il Servizio sanitario regionale offre la vaccinazione HPV, con un prezzo agevolato. La vaccinazione è eseguita negli ambulatori del servizio di Igiene pubblica del proprio Distretto di residenza, su richiesta degli utenti. Il costo della vaccinazione è significativamente inferiore rispetto a quello praticato privatamente: corrisponde al puro costo del vaccino per l’Azienda Usl, più il costo della vaccinazione secondo il tariffario regionale.

Scarica in allegato il pieghevole "Più protetti con il vaccino".

Proprietà dell'articolo
modificato:martedì 9 luglio 2019

In caricamento...