Dopo la nascita: allattamento e puerperio

Se la mamma è inserita nel percorso della Dimissione Appropriata (per le donne che partoriscono all'Ospedale maggiore o all'Ospedale di Vaio) l'ostetrica del consultorio, avvertita direttamente dall'ospedale, contatta telefonicamente la mamma e le fissa un appuntamento presso il consultorio entro 72 ore dalla dimissione per sostenerla ed offrire consigli su come accudire e allattare il neonato. 

Al rientro a casa i genitori concorderanno con il Pediatra scelto in precedenza la visita da effettuarsi entro 72 ore dalla dimissione.

Presso i consultori sono organizzati degli ambulatori di sostegno all’allattamento al seno dove le ostetriche aiutano le mamme a trovare risposte a dubbi e problemi che si presentano; anche l’Associazione Futura è disponibile per consulenze telefoniche e suggerimenti.

I neonati non in regola con il permesso di soggiorno hanno diritto all’iscrizione al S.S.N. e possono accedere agli ambulatori dell’allattamento e vengono comunque  affidati ad un Pediatra. 

Se la mamma non è inserita nel percorso della Dimissione Appropriata può comunque richiedere la visita dell’ostetrica presso il consultorio contattando direttamente il Consultorio Familiare di appartenenza.

I Consultori familiari dell’Ausl di Parma, in collaborazione con il Centro per le Famiglie del Comune di Parma, organizzano “Primi Tempi... dopo la nascita. Un ciclo di incontri per accompagnare i genitori nella prima fase del cammino insieme al loro bambino”, incontri coordinato da psicologi che forniranno informazioni e strumenti utili ai genitori per affrontare situazioni nuove e complesse come il pianto, il sonno del bambino, lo svezzamento, la vita “a tre” e il ruolo dei nonni, con l’intento inoltre di favorire lo scambio e il confronto tra le esperienze genitoriali.


In caricamento...