Guarda tutti i video


  • Segui il canale youtube

Come fare per...

Coronavirus e fase 2: tutto quello che c'è da sapere

Ultimi aggiornamenti. Raccomandazioni, domande e risposte, numeri utili, provvedimenti, materiale informativo. Rules in all languages

Da questa pagina puoi accedere alle informazioni utili con le domande e le risposte più frequenti elaborate dal Ministero della Salute, alle raccomandazioni del Ministero e della Regione Emilia-Romagna sull'infezione da nuovo coronavirus (chiamato 2019-nCoV), agli ultimi aggiornamenti sulla situazione regionale e provinciale.


AGGIORNAMENTI 

AGGIORNAMENTI CORONAVIRUS PROVINCIA DI PARMA (link alla sezione comunicati stampa sul sito della Regione Emilia-Romagna)

FASE 2, TUTTE LE MISURE IN VIGORE IN EMILIA-ROMAGNA

FASE 2, LE MISURE DELL'AUSL E DELL'OSPEDALE MAGGIORE DI PARMA

DOMANDE FREQUENTI E AGGIORNAMENTI SULLE MISURE ADOTTATE IN REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LISTA DELLE PRESTAZIONI (VISTE, ESAMI, PRELIEVI)/SERVIZI SOSPESI E DI QUELLI GARANTITI delle Aziende sanitarie di Parma (in continuo aggiornamento)


IN CASO DI SINTOMATOLOGIA

In caso di sintomatologia si raccomanda di non recarsi al Pronto soccorso nel caso in cui si ritenga di avere sintomi legati alla presenza del virus. Rivolgetevi al vostro medico di Medicina generale per avere maggiori informazioni. Oppure telefonate al numero 1500 del Ministero o al numero del Dipartimento di Sanità Pubblica dell'Ausl di Parma 0521 396436. Il numero è attivo da lunedì a venerdì 8.30-13/14-18 e sabato 8.30-13.

In caso di urgenze, naturalmente, rimane sempre attivo il 118.


PER INFORMAZIONI

Disponibile il numero 0521 396436 dell'Ausl di Parma, utile anche per avere informazioni in generale sul virus, sui sintomi e sulle precauzioni per contrastare la diffusione. Il numero è attivo da lunedì a venerdì 8.30-13/14-18 e sabato 8.30-13.

La Regione Emilia-Romagna ha messo a disposizione il numero verde 800.033.033, che dal 29 febbraio è attivo 7 giorni su 7, dalle 08.30 alle 18 per avere informazioni sanitarie.


COSA DEVE FARE CHI ENTRA IN ITALIA

Chi entra in Italia dall’estero ha l’obbligo di comunicare il proprio arrivo al Dipartimento di Sanità pubblica dell’AUSL territorialmente competente all’indirizzo e-mail quarantena_rientri_covid19@ausl.pr.it (con le seguenti informazioni: nome e cognome del cittadino, Paese di provenienza, mezzo di trasporto, indirizzo nel quale si è residenti o domiciliati (nei comuni di Parma e provincia), un indirizzo e-mail e un numero telefonico al quale essere contattati, condizioni generali di salute, presenza di sintomi correlati all'infezione come per es. febbre, tosse, raffreddore, difficoltà respiratorie) e deve trascorrere un periodo di 14 giorni di sorveglianza sanitaria e di isolamento fiduciario presso la propria abitazione o in un’altra dimora.

Sono esclusi da questi obblighi gli arrivi dai Paesi dell’Unione Europea, gli Stati parte dell’accordo di Schengen (Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera); il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord; Andorra, Principato di Monaco;  Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano.  

 


TAMPONI e TEST SIEROLOGICI

L'esecuzione del tampone va riservata prioritariamente ai casi clinici sintomatici/paucisintomatici (cioè con sintomi più scarsi e di minore intensità) e ai contatti a rischio familiari e/o residenziali sintomatici. L’identificazione dei contatti a rischio va focalizzata nelle 48 ore precedenti all’inizio della sintomatologia del caso positivo o clinicamente sospetto.

Nei casi sospetti l'indicazione di eseguire il tampone diagnostico viene data dal Dipartimento di Sanità pubblica in raccordo col Medico di medicina generale e non si tratta di una prestazione erogabile a richiesta del cittadino.

E' attivo l'indirizzo e-mail richiestaesiticovid@ausl.pr.it per richiedere la copia dell'esito del tampone, se ancora questo non è stato ancora mandato dall'Igiene pubblica all'interessato. La richiesta deve essere corredata con foto o copia scansionata della carta d'identità in corso di validità della persona per cui si chiede l'esito del tampone. Qui tutte le informazioni su tempi e modalità per richiedere la copia del referto

Tamponi tipo “drive through” - Su chiamata telefonica dell’Ausl, con la propria auto, le persone vanno indicata, dove è stata installata la tenda. La persona aspetta nella propria auto, in fila. In caso i sintomi lievi, il tampone viene fatto in auto. Se invece la persona non ha sintomi, viene chiamata, esce dalla propria auto ed effettua il tampone nella tenda.

Non è il medico di medicina generale che attiva il servizio ma SOLO l’Igiene pubblica.

Si ricorda inoltre che non è possibile presentarsi in accesso diretto, senza avere ricevuto l’invito tramite chiamata telefonica dell'Ausl. Clicca qui per maggiori informazioni

Chi ha effettuato il doppio tampone per accertare la guarigione da Covid riceve tramite posta ordinaria il certificato di guarigione, necessario per il rientro al lavoro. Clicca qui per avere maggiori sui rientri al lavoro

Dal 12 maggio è possibile per lavoratori e privati cittadini effettuare i test sierologici in uno dei laboratori autorizzati dalla Regione. Qui info e modalità

Per Parma e provincia, i risultati dei test sierologici, sia sui privati cittadini che sui dipendenti di aziende, sono trasmessi direttamente dal laboratorio al Servizio di Igiene pubblica tramite pec all'indirizzo comunicazioni_sanitapubblica@pec.ausl.pr.it nella modalità indicata nel file excel allegato e caricati sul sistema Sole e sul Fascicolo sanitario.


 LE RACCOMANDAZIONI

  1. Lavati spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani.
  2. Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute.
  3. Evita abbracci e strette di mano.
  4. Mantieni, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro.
  5. Evita l'uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l'attività sportiva.
  6. Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani.
  7. Quando starnutisci copri bocca e naso con fazzoletti monouso. Se non ne hai, usa la piega del gomito
  8. Non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico.
  9. Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol
  10. In tutti i contatti sociali, utilizza protezioni delle vie respiratorie come misura aggiuntiva alle altre misure di protezione individuale igienico-sanitarie. Si precisa che è obbligatorio sull’intero territorio nazionale usare protezioni delle vie respiratorie nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, inclusi i mezzi di trasporto e comunque in tutte le occasioni in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza. In Emilia-Romagna l’uso della mascherina è obbligatorio nei locali aperti al pubblico e anche nei luoghi all’aperto laddove non sia possibile mantenere il distanziamento di un metro.
  11. Utilizza guanti monouso per scegliere i prodotti sugli scaffali e i banchi degli esercizi commerciali

 

Le regole per contrastare la diffusione del coronavirus tradotte in lingue: italiano, albanese, arabo, bambara, bangla, curdo, francese, inglese, mandinka, pasthu, somalo, tigrino, urdu, wolof


I PROVVEDIMENTI IN VIGORE

 Tutti i decreti e le ordinanze


LE MISURE ADOTTATE DALL'AUSL

Fase 2, le misure dell'Ausl e dell'Ospedale Maggiore di Parma

Test sierologici

Rientri al lavoro in sicurezza

Referti tamponi e certificati di guarigione

Tamponi "drive through"

Unità speciali di continuità assistenziale per assistere a casa i malati non gravi

Riorganizzazione rete ospedali provinciali

Prestazioni (visite, esami, prelievi)/servizi sospesi e quelli garantiti

Servizi di supporto psicologico

Servizi di supporto per donne in gravidanza e neomamme

Sospensione solleciti e scadenze per i ticket non pagati

Campagna di informazione per i cittadini


LEGGI TUTTI I COMUNICATI STAMPA DI AUSL/OSPEDALE MAGGIORE DI PARMA

 

 

Proprietà dell'articolo
modificato:mercoledì 3 giugno 2020

In caricamento...